domenica 11 giugno 2017

note sulla Biennale di Venezia - notes about the Biennale of Venice

italian/english version

A proposito di biennale s'è già scritto di tutto. Ci sono le riviste più o meno ufficiali, i siti, i singoli post sui vari social. Con molti siamo concordi, non abbiamo molto da aggiungere, forse potremmo dire con chi siamo in disaccordo, ma non ne vale la pena.

Il trofeo di maggior prestigio, per noi, è che sul post che abbiamo scritto su Damien Hirst abbiamo probabilmente azzeccato le indicazioni su dove andare a bere a Venezia, poiché gli stessi posti li abbiamo trovati nei consigli per poveri della stampa ufficiale.

samson young
Abbiamo pensato, quindi, di scrivere qualcosa su quello che nessuno legge, che tutti scrivono sapendo che nessuno mai leggerà, ovvero i fogli/libretti che si trovano in distribuzione nei padiglioni/eventi. Non sono cataloghi, sono una sorta di biglietto da visita, di presentazione dell'artista e del padiglione/evento. Un po' il suo volto. Che abbiamo deciso di guardare per vedere quanto risponda la maschera al vero viso. Anche perché ne abbiamo noi per primi raccolti a centinaia, forse migliaia, e pure ne abbiamo fatti, distribuiti.

E c'è subito qualcosa che salta all'occhio: la differenza tra chi è molto sicuro di sé e chi è invece un po' meno certo che un domani il proprio lavoro passerà da altri mezzi che non il piccolo cartoncino che lascia posato all'ingresso. I primi si buttano su cataloghi da 20/40 euro, esterni a quello complessivo della biennale, e possono darti un foglio A4, che tanto chi deve sapere già sa. Gli altri si sbizzarriscono e investono.

Ne facciamo una piccola, incompleta, rassegna. Diciamo che ne prendiamo uno per tipo di tutti quelli che abbiamo raccolto e catalogato.